Papa Francesco con i terremotati

Ricostruire. I cuori prima della case. A un anno di distanza dal terremoto che ha devastato le regioni del centro Italia, la terra ha tremato ancora, a Ischia, mettendo ancora una volta in evidenza le fragilità di un territorio e di un tessuto urbano.

Rivediamo come, dal 24 agosto dello scorso anno, papa Francesco ha in più di un occasione espresso, non solo a parole, la sua personale vicinanza ai terremotati.

La civiltà Cattolica n. 4000

Udienza in vaticano con il collegio degli scrittori di Civiltà Cattolica, la più antica rivista culturale italiana, nata nel 1850 prima ancora dell’Unità d’Italia. “Siete nella barca di Pietro”, ha detto loro il papa, che ai gesuiti chiede inquietudine, incompletezza, immaginazione.
Nei video il servizio sull’udienza e poi una nostra intervista con il direttore Antonio Spadaio



Comunicare speranza e fiducia

Stamattina in sala stampa vaticana è stato presentato il messaggio di papa Francesco dedicato alla comunicazione. “Cattive notizie e spettacolarizzazione rischiano di anestetizzare le coscienze”, scrive il papa, che invita invece a cercare, anche nei drammi, di scenari di una possibile “buona notizia”.  Ne abbiamo parlato con mons Dario Viganò, prefetto della Segreteria per le Comunicazioni della Santa Sede

Auguri papa Francesco


Il 17 dicembre di 80 anni fa nasceva un bambino che sarebbe diventato papa Francesco. Per il suo compleanno gli abbiamo dedicato questo speciale con alcuni momenti dei suoi viaggi nel mondo che abbiamo seguito nel corso del 2016.

Chiusura Anno Santo con nuovi cardinali

Sabato prossimo papa Francesco presiede il terzo concistoro del suo pontificato, con la creazione di 17 nuovi cardinali, di cui 13 elettori in caso di conclave. Parteciperanno anche loro, domenica,  alla cerimonia di chiusura della porta santa della Basilica di San pietro. tappe importanti del pontificato in corso.

Gli occhi e la parola

“Nessuno sia escluso”. E’ il messaggio che papa Francesco ha lanciato da piazza san Pietro, nel corso dell’ultima udienza giubilare del sabato, alla vigilia della chiusura delle porte sante in tutto il mondo, mentre la basilica di san Pietro rimarrà aperta fino al 20 novembre. Non è un caso che gli ultimi incontri del giubileo siano stati dedicati proprio ai più esclusi, come i carcerati, gli emarginati e i poveri. E poi l’ultimo venerdì della misericordia, con sette famiglie di ex sacerdoti, tra loro qualche ex parroco, ora sposati e con figli.
Tra incontri, sguardi e gesti, parole e silenzi, l’anno del giubileo ha regalato sorprese e fuori programma, ma non per chi ha conosciuto a fondo Bergoglio.
Nei tuoi occhi è la mia parola, il corposo volume di omelie e discorsi di Bergoglio cardinale, racconta il laboratorio che ha forgiato il pontificato in corso.

Il papa e il papa nero

 

L’impegno per la giustizia e la lotta alle disuguaglianze sono oggi tra le priorità  per la Compagnia di Gesù. Lo ha detto a Rainews 24  padre Arturo Sosa Abascal, il nuovo superiore generale dei gesuiti. E’ un latino americano, come papa Francesco, ed è  la prima volta nella storia che l’elezione del cosiddetto “papa nero” avviene sotto il pontificato di un gesuita.

Nei video la sua intervista e a seguire il commento di padre Antonio Spadaro, che era uno dei 212 padri elettori.


AC il festival dei ragazzi

La piazza e il campanile, la dimensione pubblica e quella ecclesiale, sono da sempre nell’anima più profonda dell’Azione Cattolica, che continua a gettare semi, speranza di futuro. Come le parole partecipazione, creato, famiglia, che i ragazzi dell’Acr ritrovatisi a Roma per il loro Festival hanno declinato cosi. E chissà il sindaco Giovanni, tra i nostri intervistati, cosa farà tra un paio di decenni.

Fragilità


L’amore è più forte della fede e della morte, dice il Priore di Bose Enzo Bianchi  con lo sguardo al terremoto che ha colpito il centro Italia.