Papa Francesco e le lacrime

Un pastore alla guida di un popolo, nelle immagini del papa che cammina per le vie di Roma, in processione da sant’Anselmo alla basilica di Santa Sabina, all’Aventino.

“Basta ipocrisie”, ha detto nell’omelia della messa delle ceneri: l’elemosina non si fa per essere ammirati, e nella preghiera ci deve essere spazio per le lacrime.

Il dono delle lacrime è un’invocazione ignaziana. Papa Francesco l’ha citata diverse volte. A Manila ha detto che ci sono realtà della vita che si possono vedere solo con gli occhi puliti dalle lacrime. Significativo che torni su questa immagine a inizio quaresima, per chiedere a vescovi e cardinali se piangono, e se pregano piangendo, perché solo gli ipocriti non sanno piangere.